TOELETTATURA DEL CHOW CHOW

 

N.B. Ogni raccorciamento artificiale del pelo che modifichi la silhouette naturale o l'espressione del Chow Chow sarà penalizzato.(estratto da : Standard del Chow Chow)

La toelettatura del cucciolo

Una delle cose che dovrete fare per facilitare la toelettatura è di mettere il cucciolo su un tavolo stabile e mantenerlo sdraiato su un fianco per circa un minuto. Aumentate gradatamente questa fare così da raggiungere in una settimana i dieci minuti di permanenza. Trascorrerete questi momenti parlandogli, grattandogli il pancino e accarezzandolo per aiutarlo a rilassarsi.
Avrete bisogno di una spazzola con spilli ricurvi e fitti poggiati su base imbottita (cardatore) e di un pettine in acciaio con denti distanziati di circa 5 mm. Toelettare il Chow nella "posizione sul fianco" è il metodo più facile e comodo.
Verso i quattro mesi il cucciolo comincerà a perdere la sua morbida pelliccia. Dopo la prima muta, come per la maggior parte dei cani a pelo lungo, ne seguiranno due all'anno.
In tali periodi è d'obbligo spazzolare il Chow quotidianamente per togliere il pelo morto che impedirebbe la crescita regolare di quello nuovo.
Il pelo sotto le zampe (se in eccesso - N.d.A) deve essere regolato a livello dei cuscinetti per evitare che il Chow scivoli o cammini male.
E' una buona idea abituarlo da cucciolo al taglio delle unghie, perché sembra che tale pratica sia particolarmente sgradita ai Chow. Sarebbe meglio rivolgersi al Veterinario e solo a condizione di avere una certa pratica le unghie possono essere tagliate a casa. Si utilizzerà l'apposito tronchesino, facendo molta attenzione per non tagliare troppo nel vivo che, soprattutto nel caso di unghie nere, è difficile da individuare e, che se viene offeso, può causare forte dolore ed emorragia.
Pulite ogni giorno gli occhi con un fazzolettino di carta asciutto e dedicate quotidianamente, durante la toelettatura, qualche minuto al controllo della pelle, delle orecchie, degli occhi e dei genitali.

Il bagno e la toelettatura

Sia che destiniate il vostro Chow Chow alla carriera espositiva sia che godiate della sua compagnia, il suo mantenimento e la sua toelettatura necessitano di cure quotidiane e regolari.
Lo standard della razza richiede che il mantello sia "... folto, abbondante, diritto ed eretto, con copertura ruvida e sottopelo lanoso" per quel che riguarda il pelo del Chow Chow a pelo lungo, e "...corto, fitto, diritto, eretto, non piatto, di tessitura felpata" a proposito del Chow Chow a pelo corto.
Non sarà particolarmente complicato ottenere e mantenere il pelo in ottime condizioni, se abituerete il cucciolo ad essere manipolato e spazzolato quotidianamente, evitando così anche il disagio di possedere un Chow che diventa aggressivo al solo contato della spazzola sul corpo, oltre ad assicurargli un bell'aspetto e la salute.
L'abitudine alla toelettatura deve essere adottata, perciò, fin dalla più giovane età. Le prime sedute dureranno solo qualche minuto, giusto il tempo necessario per abituare il cucciolo a rimanere fermo sul tavolo, parlandogli in modo dolce per rassicurarlo ed evitando movimenti bruschi.

Per la salute generale del mantello e per la presentazione in ring, il Chow deve essere lavato circa due o tre volte all'anno o qualche giorno prima dell'esposizione oppure alla bisogna.
Il bagno deve essere effettuato lontano dai pasti e non in concomitanza con le vaccinazioni.
Ponetegli, prima di tutto, dei batuffoli di cotone nelle orecchie per evitare che l'acqua penetri nel condotto uditivo.
Dopo aver diluito in acqua tiepida uno shampoo leggero, per poterlo distribuire meglio su tutto il corpo, bagnate interamente il Chow e versate lo shampoo formando attorno al collo un collare di schiuma, nel caso abbiate il sospetto che vi siano dei parassiti, che in tal modo avranno difficoltà a rifugiarsi sulla testa. Frizionate in modo che la schiuma penetri in profondità per non lavare il pelo solo superficialmente ripetete lo shampoo, e risciacquate accuratamente per essere certi di aver tolto qualsiasi residuo.
Asciugate il Chow, spazzolandolo dolcemente.
Il Chow adulto deve essere spazzolato a fondo una volta alla settimana. Le operazioni di toelettatura saranno facilitate se il Chow verrà posto su un tavolino ricoperto di un materiale antisdrucciolevole.

1° fase mettete il Chow in posizione e spazzolatelo, con una spazzola con  i denti di metallo inseriti su caucciù, da dietro in avanti
2° fase sdraiare il Chow su un fianco e con il pettine di metallo a denti spaziati di circa 5 mm, pettinate dolcemente le frange posteriori e le cosce, facendo in modo che durante questa operazione la pelle sia visibile. Ricordate sempre di pettinare dal basso verso l'alto le piccole frange dei garretti.
3° fase pettinate il corpo, ciocca per ciocca, procedendo dal posteriore verso l'anteriore, facendo molta attenzione a non strappare il pelo.
4° fase pettinate le zampe anteriori con movimento delicato dal basso verso l'alto.
5° fase quando tutto il corpo, le frange e la coda saranno ben pettinate, passate alla testa e alla criniera, che sono le parti che conferiscono al Chow l'aspetto leonino tanto apprezzato.
6° fase Pettinate il muso del Chow usando un pettine di metallo a denti molto stretti, per togliere la polvere ed eventuali residui di cibo. Spazzolate la criniera in direzione del muso.
7° fase per la finitura usate una spazzola morbida, seguendo le indicazioni delle fasi precedenti.
Assicuratevi che gli occhi e le orecchie del Chow siano puliti e ricordate che l'unico taglio a forbice permesso è la rifinitura dei piedi "a gatto".

N.B. Ogni raccorciamento artificiale del pelo che modifichi la silhouette naturale o l'espressione del Chow Chow sarà penalizzato. (estratto da : Standard del Chow Chow)

 


PUBBLICITA'
FORUM CHOW CHOW BLOG Chow Chow & Company
 

FORUM CHOW CHOW ITALIA

 

Chow Chow & Company - Diario di bordo nel magico mondo del Chow Chow

 

Website created by Isabella Milani - - Copyright © 2001-2013  by Chow Chow Italia - All rights reserved
Proprietà letteraria e graficca riservata - Le foto sono di esclusiva proprietà di Chow Chow Italia e dei Proprietari dei soggetti ritratti.

COPYRIGHT